C’ era una volta una piccola città di montagna. L’ inverno teneva chiusi in casa gli abitanti della città e gli impegni di lavoro e domestici li confinavano all’ interno degli edifici o limitavano le loro uscite a veloci e fugaci passaggi.

C’ era un momento però dove la città richiamava i suoi abitanti nelle strade, li spingeva fuori casa.

L’ atmosfera della Fiera di Sant’ Orso era irresistibile , era la città che invitava tutti a venire a farle visita “

 


Torna anche quest’ anno l’ appuntamento con la Fiera di Sant’ Orso che si terrà nelle giornate del 30 e 31 gennaio tra le vie del centro di Aosta.

Le origini di questa fiera sono antichissime. L’anno 1000 è considerato infatti l’anno “zero” della Fiera.

La leggenda vuole che tutto abbia avuto inizio nell’area della Chiesa di Sant ‘Orso. Proprio di fronte alla Chiesa il Santo, vissuto prima del IX secolo, era solito distribuire ai poveri indumenti e “Sabot”, le tipiche calzature in legno ancora oggi presenti in Fiera.

Al giorno d’oggi è tutto il centro cittadino ad essere coinvolto nella manifestazione che si è trasformata in un grande momento di festa.

Le due giornate rappresentano l’occasione per gli artigiani, i visitatori e gli appassionati di incontrarsi, fare quattro chiacchiere, scambiarsi idee e suggerimenti e di venire a contatto con un mondo fatto di gesti tramandati di generazione in generazione che vive e si evolve ancora oggi, nell’era del digitale.

La Fiera è anche musica e folklore, un’occasione per partecipare a degustazioni ed un’opportunità per assistere a dimostrazioni dal vivo.

 

Ecco il programma :

27 Gennaio
Ore 10: apertura dell’Atelier e del Padiglione enogastronomico

27/31 Gennaio
Orari apertura Atelier e Padiglione
27 Gennaio: dalle ore 10 alle ore 21
28/29 Gennaio: dalle ore 10 alle ore 19
30 Gennaio: dalle ore 8 alle ore 21
31 Gennaio: dalle ore 8 alle ore 19

27 e 28 Gennaio
Ore 17 e ore 21: Concerto tattile itinerante per corpo e mente al Criptoportico forense di Aosta

 29 Gennaio

Ore 21: concerto del Coro di Sant’Orso presso la Chiesa di Sant’Orso di Aosta

30 Gennaio
Dall’alba alla sera: fiera, esibizioni itineranti di gruppi folkloristici e dimostrazioni dal vivo
Ore 14-18: Veillà di Petchou (veglia dei piccoli) presso la Cittadella dei Giovani
Ore 18: messa dedicata agli artigiani presso la Chiesa di Sant’Orso
Ore 19 circa: premiazione ufficiale in piazza Sant’Orso
Dalle ore 19 fino a tarda notte: Veillà

31 Gennaio
Dall’alba alla sera: fiera, esibizioni itineranti di gruppi folkloristici e dimostrazioni dal vivo
Ore 21: Spettacolo finale di chiusura “Les Alpes en Musique” a cura dei Trouveur Valdotèn al Teatro Splendor di Aosta

 

La Tradizionale Veillà

Nella notte tra il 30 ed il 31 gennaio, il centro di Aosta si anima per la Veillà. Nel dialetto valdostano, il patois, “Veillà” vuol dire “veglia”.

E’ una festa che potremmo definire autogestita: dalle 19 in poi passeggiando nelle vie si possono incontrare cori che improvvisano mini concerti e gruppi folkoristici che si esibiscono in brevi spettacoli mentre ci si scalda sorseggiando del vin brulé o del brodo caldo. E’ anche possibile visitare le “crotte”, le cantine del borgo che i residenti aprono per l’occasione proponendo musica, momenti conviviali e degustazioni di salumi ed altri prodotti tipici.

 

Per maggiori informazioni potete consultare il sito:

Fiera di Sant’ Orso

 

 

 

Un nuovo anno si avvicina e cosa c’ è di meglio che passarlo al Rocher Hotel ?

In anteprima il nostro menu di stasera:

Tartare di manzo con crema di tuorlo montato e senape in grani

Tataki di tonno con salsa di soia

Fagottino di mare con coulis di pomodoro fresco

Risotto alle pere Martin Sec e Bleu d’ Aoste

Salmone scottato co salsa all’ erba cipollina

Costoletta di cervo con riduzione di frutti di bosco e quenelle di polenta

Parfait al croccante di mandorla

 

Il tutto preceduto da un aperitivo con buffet al bar e….

Per finire brindisi di mezzanotte con cotechino e lenticchie e fuochi d’ artificio accompagnati da Vin Brulé!

 

 

 

 

Siete ancora indecisi se venire o no a Champoluc per le vostre feste?

Vi proponiamo molti eventi e attività da fare, magari n compagnia dei vostri bambini, che vi faranno sicuramente cambiare idea!

24 Dicembre: Santa Messa di mezzanotte Ore 23.30 Chiese parrocchiali di Antagnod e Champoluc

27 Dicembre: Concerto di Natale Ore 21.00 Chiesa parrocchiale Champoluc

28 Dicembre : Winter Yogamonterosa Festival, Yoga con i fiocchi Dalle  ore 18.00 alle 19.30 Auditorium di Monterosaterme

(Prenotazione obbligatoria :  Corinne 349.2234599)

29 Dicembre : Concerto di fine anno Ore 21.00 Chiesa parrocchiale di Antagnod 

Con la partecipazione di : The Soul of Guarnieri – Musiche di Ciajkovskij , Paganini, Elgar, Massenet, Bartok

30 Dicembre : Fiaccolate Crest e Boudin

Ore 21.30 – Scuola di sci Champoluc / Ore 21.30 Scuola di sci Antagnod

La fiaccolata di Boudin terminerà con dei fuochi di artificio per augurarvi buon anno!

 

2 Gennaio: Concerto di Capodanno Ore 21.00 Champoluc Auditorium Monterosaterme

Magnasco Movie Quartet, Film & Music Le più belle colonne sonore

5 Gennaio : Concerto dell’ Epifania Ore 21.00  Champoluc- Chiesa parrocchiale Trio in concerto

 

Siete amanti della natura e non riuscite a rinunciare al benessere anche in mezzo alla neve ? Niente paura !

La nostra guida Escursionistica e Naturalistica Marzia Mosca organizza delle bellissime ciaspolate immerse nella natura :

 28 Dicembre  ” Ciaspolando tra i villaggi Walser ” Dislivello 360 mt

29 Dicembre ” Ciaspolata e polentata alle pendici del Monte Zerbion  Dislivello 350 mt

30 Dicembre ” Aspettando il 2018..salutiamo l’ Anno Vecchio con ciaspolata serale al chiaro di luna e Vin Brulé” 

31 Dicembre ” Altre tracce tra gli alpeggi dell’ incantevole fondovalle ” Dislivello 340 mt

2 Gennaio ” Suggestiva ciaspolata con la ” Super Luna ” e cena tipica in ristorante di villaggio Walser 

3 Gennaio : ” Ciaspole e menù tipico nel suggestivo bosco di Precharbon ” Dislivello 250 mt 

4 Gennaio : ” Ciaspolando tra i villaggi Walser…” Dislivello 360 mt

5 Gennaio  ” Anello di Estoul con ciaspole e polenta ” Mattina  Dislivello 220 mt

” Aspettando la Befana in rifugio…” Salita al rifugio con cena , pernottamento e colazione, la mattina escursione 

6 Gennaio ” Ciaspolata della Befana…a sorpresa! “

(Per info e prenotazioni Marzia 340. 774 28 19 )

Cosa aspettate a prenotare la vostra vacanza?

Cliccate qui per maggiori informazioni!

 

 

 

 

Finalmente anche qui a Champoluc è arrivata la tanto attesa neve.

E cosa c’ è di meglio , quando fuori fa freddo, di una dolce e calda merenda?

Oggi vi proponiamo i Kanelbullar, un dolce tipicamente svedese, che con i suoi sentori di cannella e spezie ci ricorda il periodo di Natale.

 


Ingredienti

Per l’ impasto:

250 ml di latte

20 gr di lievito di birra

75 gr di burro

650 gr di farina

100 gr di zucchero

1/2 cucchiaino di sale

Per il ripieno:

125 gr di burro

75 gr di zucchero

1 cucchiaio di cannella

1 uovo per pennellare la superficie

granella di zucchero per decorare


 Per preparare questi golosi dolcetti iniziate facendo sciogliere il lievito  nel latte a temperatura ambiente.

A parte fate sciogliere il burro.

In una terrina molto capiente disponete la farina insieme allo zucchero e un  pizzico di sale e versatevi al centro il burro fuso intiepidito.

Aggiungete ora il latte con all’interno disciolto il lievito e iniziate a lavorare l’impasto fino a formare un panetto liscio che farete lievitare per due ore circa al coperto.

 

Quando l’ impasto sarà raddoppiato di volume ,riprendetelo e stendetelo con un mattarello su un piano infarinato, formando un rettangolo dell’ altezza di circa 3 mm.

Preparate il ripieno montando il burro con lo zucchero e la cannella, poi ricoprite tutta la superficie.

Arrotolate l’ impasto e tagliate delle girelle dello spessore di circa 1/2 cm.

Disponete i Kanelbullar dentro dei pirottini di carta e fateli lievitare ancora per un’ ora circa.

Spennellateli con l’ uovo sbattuto e ricopriteli con la granella di zucchero.

Non vi resta che infornare i vostri dolcetti in forno caldo a 200° per circa 15 min.

Buona Merenda!

 

MonteRosa

 

Siamo ormai giunti alla fine dell’ estate.

I prati fino a pochi giorni fa ricoperti di erba e fiori , con le mucche allegre a pascolarvi,

cominciano a trasformarsi in radure autunnali in attesa della neve.

 

E voi ? Siete indecisi sulle vostre vacanze invernali  o sulla vostra settimana bianca ?

Vi daremo qualche idea sulle attività della nostra valle…

 

 

D’inverno la Val d’Ayas si trasforma in una base internazionale per lo sci, allargando i propri orizzonti in centinaia di Km di piste, 

attraverso il comprensorio della Monterosa Ski che vi farà spaziare fin sui ghiacciai del Monte Rosa a oltre 3200 metri d’altezza ,

fino a valicare i confini della Regione Val d’Aosta per finire in Piemonte.

Il Monte Rosa resta la perla incontaminata e selvaggia che domina l’orizzonte a nord della Val d’Ayas dai suoi 4600 metri d’altezza.

Un’insieme di creste e punte che dona luce e contrasto a pinete e pascoli sottostanti.

Fu Reinhold Messner a sottolinearne l’unicità in quanto unico massiccio delle Alpi in cui sembra di essere in Himalaya.

Ma non temete se non siete esperti! Sulle piste di Antagnod potrete fare molta pratica e portare anche i vostri bambini grazie alle piste a minore difficoltà e ben esposte al sole.

Per informazioni e per acquistare i vostri stagionali in prevendita potete consultare il sito:

VISIT MONTEROSA

 

 

La Val d’Ayas non è solo Monte Rosa, è anche vita, paesi, feste, gourmand e cultura.

Segnata come Kramer Thal nelle antiche mappe dei commercianti vallesi del 1500, la Val d’Ayas ha un passato importante come via di commercio tra il Vallese e la Pianura Padana.

Questo periodo, che fu contrassegnato dall ’ insediamento della popolazione Walser nelle vallate a sud della catena del Monte Rosa, fu anche caratterizzato dal dominio locale della casata dei Challand a cui si devono i diversi Castelli medievali tuttora visitabili.

 

Non siete amanti dello Sci e non sapete come passare il tempo mentre i vostri amici sono a sciare ?

Qui nella nostra bellissima valle potrete andare a fare una passeggiata con le ciaspole , andare a pattinare sul ghiaccio, 

godervi la natura incontaminata con delle bellissime passeggiate sulla neve o rilassarvi presso la Monterosaterme !

 

 

 

Cosa aspettate a prenotare la vostra vacanza?

 

 

 

Da oggi presso la reception del nostro Hotel potrete acquistare dei coupon di ingresso a MonterosaTerme a un prezzo scontatissimo!

 

Dal Lunedì al Giovedì 

INGRESSO DI 3 ORE € 15

INGRESSO DI 4 ORE € 20

Venerdì, Sabato e Domenica

INGRESSO DI 3 ORE € 20

INGRESSO DI 4 ORE € 25

 


Formula All Inclusive

A soli  € 10  in più avrete un ingresso per TUTTO IL GIORNO+ KIT DI CORTESIA INCLUSO+ LIGHT LUNCH

 


 

In più….

Sconto del 10% su tutti i trattamenti!

Per ulteriori informazioni potete consultare il sito:

MONTEROSATERME

 

Vi ricordiamo che per ottenere queste tariffe speciali, la prenotazione dovrà essere effettuata direttamente da noi, 

Quindi non esitate a contattarci!

 

 

La stagione è agli sgoccioli: ancora due settimane e poi gli impianti di MonterosaSki chiuderanno per riaprire durante la primavera in speciali giornate!

http://www.monterosa-ski.com/skipass/speciale-freeride/

Grazie alla nevicata del fine settimana appena passato, le piste sono ancora perfette.

Fortunati allora tutti gli sciatori che hanno approfittato della promozione Sciare Gratis di fine stagione:

potranno godere alla grande delle splendide giornate di sole promesse dalle previsioni meteo.

elleboro di montagna

Intanto la primavera che regna sovrana in bassa Valle inizia a fare capolino anche qui.

I prati si colorano con i primi fiori ed è possibile iniziare a fare qualche passeggiata.

La nostra struttura chiuderà il 18 aprile e riaprirà a fine giugno.

Ringraziamo tutti i nostri ospiti per questa splendida stagione invernale e..

vi aspettiamo questa estate!

Fine di stagione con Sciare Gratis!

Una vista dal comprensorio MonterosaSki quasi a fine stagione

Continua a leggere

Tra soli quattro giorni sarà la Festa della donna! Non sapete come festeggiare? Ecco qui qualche idea….

Mimosa: il fiore delle donne

Continua a leggere

La neve è tornata in Val d’Ayas.

Questa mattina una spolverata per rimbiancare il paesaggio, ma aspettiamo qualcosa di più nel fine settimana.

Intanto vi accompagniamo nella scoperta di un artista della neve: Simon Beck.

Continua a leggere